Bonzo Picnic due: bioparco

“I miei figli conoscono solo gli animali dalla tv, andiamo al bioparco” Parola di Babbo naturalista. Nessun altro aveva avuto la nostra stessa idea: ore 1o e 30 una fila che girava nel parcheggio di fronte allo zoo. “Non sia mai, fai la fila(a me) che io vado con i bonzi a giocare”. ECCERTO. Mi informo all’una c’è meno gente, posticipo l’entrata. “Ma poi ce la facciamo a vedere tutti gli animali?”. Ci sei venuto per i tuoi figli eh??? Gironzoliamo per Villa Borghese e tentiamo con il risciò, peggio della fila allo zoo. E poi alli mejo posti. “Non ce sta la lista.. dovete aspettà”. Ma fossi scema.
Ci si siede e si mangia la pappa pronta.
Torniamo al Bioparco, mamma fa la fila e i biglietti rapidamente, Babbo gioca con megalego, bonzi lo guardano. Finalmente entriamo… la mucca assai stagionata riscuote un successo folle, Bonza la accarezza addirittura, pensando secondo me di fare cara alla sua mucca a dondolo. Chissà come Carolina è arrivata fino a qua? Avrà pensato… Poi le foche, impazziti letteralmente, ciaociao a ripetizione, “daaaaaaaaaaaa” urlato istericamente, calci a me per tentare di lanciarsi in acqua, sbracciamenti. Mai visto tanto entusiasmo, gliene compro una, la metto via e la uso in caso di necessità… che so me la porto dal medico. “Non possiamo abbiamo una casa dello gnomo” mi ricorda Babbo ing. Nella doccia? Non c’entra. “Vedi che non vuoi un cucciolo?” Occhiataccia che solo un ing. sa dare. Poi catalessi narcolettica per due ore. Loro, il Babbo preso da sacrofurore naturalista e al grido di “Devo fare moto” mi fa correre per tutto lo zoo, mentre spinge la carrozzella a tutta birra. Ha sicuramente visto tutti gli animali, lui… Bonzo risveglio davanti ai due elefanti tristi. Bonzo gli manda un bacio, io mi metto a piangere per la sua sensibilità, poi ne manda uno a un albero e a due perfetti sconosciuti. Era il momento del “come sono bravo a mandare baci”. Bonza ci guarda malissimo. E’ ora dello scivolo… invasata e indemoniata la bimba si è fatta 20 discese sugli scivoli e mentre cercavo di portarla via, mi ha assestato due calci sugli stinchi. Due animali in più al bioparco, facciamo tre con il babbo sportivo. Usciti da lì, ho preteso un civile caffè alla mamma, mentre guardavo le tre bestie correre e fare acrobazie con la carrozzina rossa. Non ci arrivo ai due anni dei bonzi… non ci arrivo.