Dizionario bonzico

“LELLAAAAAAAA” “lellaaaaaaaaa” queste grida belluine accolgono il visitatore nella casa dello gnomo in queste sere. Sono i due bonzetti che durante la cena esercitano la nuova capacità acquisita: “la parola”. L’altro giorno mentre mangiavano la minestrina ho detto loro che dopo c’era la mozzarella… “LELLAAAAAAAAAAA” ha sparato il Bonzo a tutta voce, lui la chiamava proprio la mozzarella… immaginandomi la scena di un bocconcino che cammina dalla cucina ho iniziato a ridere a crepapelli. Mai mai mai ridere davanti a bambini di 21 mesi per una cosa è come garantirsi la ripetizione della stessa a vita. Così hanno iniziato a urlare “Lella” a tutto spiano solo per divertire me… che al V urlo ero già nevrotica… ovviamente. Ma mai mai mai deluderei i miei novelli parlatori e allora giù a sganasciarmi, mi fa male la mandibola oggi per le risate forzate. Stessa scena la sera dopo e quella dopo ancora… Ormai anche la nonnabonzica dal piano di sopra risponde al “lella” con un altro “ahhh lella” alla romana… e lellaggiando passiamo la cena.

PS Chiamare ah lella a Roma è proprio da cafonazzo di periferia… e noi abitiamo in pieno centro. Temo che la snobbissima associazione abitanti centro storico ci cacci prima o poi.