Lettera alla nostra maestra, che va in pensione.

Ciao Maestra, ciao. Da fine giugno ti godrai la tua meritata pensione, camminerai libera per i tuoi mille interessi: il volontariato, i viaggi, le amicizie, la musica e chissà quante altre cose. 
Ciao Maestra, ciao. Ieri ti abbiamo salutato con una grande borsa rossa con una piccola etichetta: “A te maestra i tuoi bambini, 8 giugno 2015” cucina all’interno, da sbirciare quando ti verrà un attacco di malinconia anche solo leggera. 
Leggerla ti ricorderà di loro, di quei piccoli 18 bambini, che ti hanno fatto ridere, arrabbiare e addannare per due anni. Ti ricorderai del campo scuola della seconda, per te l’ultimo, per loro il primo. Quando hai preso Tommaso con la febbre al pulman la mattina e mi hai detto “mamma, non ti preoccupare”. E la sera lo hai messo a letto, prima, con la televisione accesa. Lo hai accudito e coccolato, come gli altri 18. 
Maestra sei stata dura, diretta e a volte un generale. Mi hai insegnato ad ascoltare i segnali di mio figlio, mi hai strigliato e indirizzato, mi hai ripreso e incoraggiato. Mi hai sorriso, Maestra. 
Mi hai ricordato la mia di maestra, quell’Anna Maria Salvatore, il cui abbraccio ricordo ancora adesso. 
Ciao Maestra ciao. Flavia ti abbraccia triste, nostalgica e musona. 
Grazie Maestra per aver insegnato le lettere e le letture ai miei figli, per essere stata una presenza di spessore a volte anche impopolare. Grazie per essere stata una maestra. 
Una docente di vita e di esperienze prima che di compiti e di doveri. 
Grazie per l’affetto che hai donato ai nostri bambini, per le attenzioni e la profonda consapevolezza di ognuno.
Grazie di non aver finto, di essere stata vera e sincera con loro sempre. 

Soprattutto grazie per averli accompagnati per due anni con il tuo massimo impegno, la tua presenza anche quando non avresti dovuto. 
Ieri ti abbiamo salutato tutti. Noi mamme con la lacrima, i bambini forse meno, lo capiranno a settembre quando in cattedra salirà una nuova maestra o un nuovo maestro per camminare con loro fino alla V. 

Grazie Maestra, e ti aspettiamo ai nostri pigiama party! 

Arianna