Il verbo di Nanùzz, ovvero parole parole parole!

Il terzogenito ci ha dato il suo verbo, biblicamente ha proferito la sua parola di Nanuzz, anzi diverse. E noi evangelicamente lo abbiamo accolto, rifocillato e altro che lavanda di piedi, dopo 3 anni di silenzio gli abbiamo anche fatto il massaggio shiatzu a luie al suo pupazzo preferito.

Lorenzo, il mio Nanùzz, ha un ritardo del linguaggio certificato di qualità dalla ASL di zona. Ha 3 anni, dolcissimo e prepotente. E’ nato in pieno agosto, col sole, piccolino e avido di latte, ed è cresciuto pacifico e sorridente per moltissimo tempo, spesso attaccatto alla tetta e soprattutto alla sua mamma.

Ho adorato avere questo terzo figlio, desiderato moltissimo. Quando è arrivato lui noi siamo stati completi. Eravamo, alla fine, la famiglia che volevamo.

Nanùzz è cresciuto silenzioso per molto tempo, articolando un NO sonoro e parlando con i gesti perfettamente. Un mimo nato.

Ha dosato avidamente le parole che ci regalava, “mamma”, “ciao” “aqua” e poco altro. Una fissazione bellissima ed evocativa col colore “blu”. Sognavo mari e cieli infiniti in quelle tre lettere pronunciate felice. Che colore è? Blu, magari era giallo, rosso o verde. Ma quella sfumatura di cielo, nanùzz ce la vedeva sempre.

L’Ing. si è preoccupato, io meno onestamente. Passerà dicevo a me stessa, a lui e alla famiglia che chiedeva “Ha parlato?” come fosse un problema gravissimo. Non lo è mai veramente stato. Io e i suoi fratelli lo capivamo subito.

Finchè non ha iniziato la materna. In quella classe dove Flavia è cresciuta, Nanùzz è diventato “(L)Ollo”, ha imparato moltissime parole nuove, lanciate a sfidare il silenzio pregiudiziale di convinzioni familiari, quando meno ce lo aspettiamo. E ogni volta intorno si fa silenzio, sorpresi e felici noi, di ascoltare la sua timida e squillante voce.

Ascoltiamo Bella, Blrutto, giallo e blu e casa fino a domenica quando ha detto “stare a casa” e “mamma bella”. Insieme. Anzi no INSIEME.

Siamo a 2 parole. Una frase, praticamente, avverbio orrendo e odiatissimo che dice Tommaso quando inizia a ripetere storia. Praticamente ci siamo, sono iniziate le sue parole, escono, corrono, si arrotano e si rotolano giù per la bocca, su per le nostre orecchie, e dritte al cervello. Le capiamo, le sentiamo, le percepiamo come una porta aperta sull’aria del cortile. Starnazzano intorno come galline contente. E per me nulla ricorda maggiormente l’idea di bambino felice.

(L)Ollo parlucchia e sparlacchia, urla anche, come la sorella, anzi peggio. Ma non a gesti, a parole. A PAROLE sue.

Parola mia, quando parleranno in 3 a tavola, insieme. Io tacerò. L’equilibrio acustico ha i suoi perchè.

Abbiamo iniziato la logoterapia, la materna e forse il nostro impegno con lui è maggiore. Lo trattiamo da 3enne seppur silente.

La parola di Nanùzz. Con la erre moscia, ovviamente.

Arianna

Arianna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: